Articoli per il mese giugno, 2011
“Dove finisce Berlusconi comincia una nuova politica.”

di EZIO MAURO-la Repubblica IL FLAUTO magico si è spezzato, gli italiani dopo vent’anni rifiutano di seguire la musica di Berlusconi. Quattro leggi volute dal premier – una addirittura costruita con le sue mani per procurarsi uno scudo che lo riparasse dai processi in corso – sono state bocciate da una valanga di “sì” nei […]

Share
Berlusconi travolto dai referendum.

di Enrico Franceschini-la Repubblica. La sconfitta di Silvio Berlusconi nei referendum finisce in prima pagina sui più importanti giornali del mondo, che concordano nel ritenerla un altro “duro colpo” alla capacità di sopravvivenza politica del premier italiano. “Una bruciante sconfitta politica”, la definisce il New York Times. “E’ probabile che non provocherà l’immediata caduta del […]

Share
Berlusconi sa che i quorum sono stati raggiunti.

«Non cambia nulla anche se ci sarà il quorum. Si tratta di referendum su argomenti precisi, non sul governo. Per quello dovranno aspettare ancora un paio d’anni», Berlusconi dixit (tornando dal mare). Beh, buona giornata. Tweet This Post

Share
“La mondializzazione consente la libera circolazione dei beni e non meno pericolosamente quella delle sciocchezze.”

di ANDRÉ GLUCKSMANN (traduzione di Daniela Maggioni)-Il Corriere della Sera Non vi meravigliate se parole al vento e accuse infondate seminano il panico, condannando pomodori e cucurbitacee alla spazzatura e gli orticultori spagnoli, italiani o francesi al fallimento. Che la democrazia e il regno delle dicerie coesistano, non è una scoperta. La nostra prima città […]

Share
Berlusconi e Bossi già sconfitti ai referendum.

Silvio Berlusconi e Umberto Bossi, che invitavano a non andare a votare i referendum sono stati ampiamente contraddetti dai risultati della prima giornata di votazioni: alle 22 di domenica la percentuale ufficiale di affluenza si è attestata su 41,1%. Se è un dato che avvicina di molto l’obiettivo di raggiungere il quorum su tutti e […]

Share
Berlusconi col quorum in gola.

Berlusconi, “l’uomo che ha fottuto un intero paese”, come titola la copertina de L’Economist di questa settimana, aspetta questa tornata elettorale col “quorum” in gola. Se, dopo la cocente sconfitta alle scorse elezioni amministrative, dopo la “sleppa” presa in piena faccia a Milano, dovesse verificarsi la vittoria del Sì a questi referendum, la carriera politica […]

Share
Perché dire No al nulceare e votare SI’ al referendum.

di ALBERTO BAROCAS-repubblica.it Dopo essere stato allibito per l’incoscienza delle dichiarazioni di uno scienziato, il professor Battaglia (la pubblicazione di una sua opera scientifica con la prefazione di Silvio Berlusconi parla da sé), su un tema così importante per la sorte dell’umanità, mi sento costretto ad intervenire avendo dedicato tutta la mia vita professionale alla […]

Share
«L’Italia ha tutte le cose che le servono per ripartire, quello che serve è un cambio di governo».

di Paola Pica-Il Corriere della Sera «The man who screwed an entire country» l’ uomo che ha fottuto un intero Paese». L’Economist torna ad attaccare Silvio Berlusconi bocciandone senza appello la politica di governo. Il presidente del Consiglio italiano è tornato in copertina del settimanale britannico in uscita venerdì, a otto anni dal celeberrimo «unfit […]

Share
In tutta Italia per i quattro Sì ai referendum.

Benevento, dalle 10 alle 24 presso la sede del “Quinto Elemento” (via S. Pasquale) – “Un’occasione comune: acqua, natura, cultura, musica…” con dibattiti, letture e musica dal vivo Fuorigrotta (Napoli), dalle ore 10.30 alle 13 – Flusso Umano Pro Referendum verso la Rai in Via Marconi, con partenza da piazza S. Vitale Roma ore 11, […]

Share
La guerra civile che dilania Audiradio.

Neppure nel primo trimestre 2011 la crisi economica è stata clemente con la pubblicità italiana. Secondo i dati Nielsen Media Research, la televisione, considerando anche i marchi Sky e Fox e le tv digitali rilevate da Nielsen, chiude il primo trimestre con un calo del -2,9%, con una raccolta complessiva di poco superiore a 1,2 […]

Share
“Atomausstieg”, ovvero facciamo come la Germania, abbandoniamo il nucleare. Ecco un buon motivo per andare a votare sì.

Atomo, addio, di Riccardo Valsecchi- Avvenire dei Lavoratori Ripristinando la decisione assunta dal governo rosso-verde di Gerhard Schroeder, l’attuale cancelliera tedesca, Angela Merkel, ha deciso che la Germania rinuncerà all’energia nucleare. Il tema scompare così dai programmi di tutti i partiti presenti nel Bundestag. La terza potenza industriale del mondo avvia la sua fuoriuscita dall’atomo. […]

Share
La privatizzazione dell’acqua ha fatto aumentare le bollette. Un buon motivo per andare a votare sì.

Costi, dispersione, efficienza i falsi miti dell’acqua privata In vista dell’appuntamento del 12 e 13 giugno, Altraeconomia ha realizzato un dossier che sfata, punto per punto, tutte le false credenze nate intorno alla privatizzazione del servizio idrico italiano. Gli acquedotti pubblici non sono affatto dei “colabrodo”. E gestione privata il più delle volte fa rima […]

Share
Parigi, Berlino, Johannesburg, Buenos Aires, Atlanta, Monaco di Baviera sono tutte tornate all’acqua pubblica.

di ANTONIO CIANCIULLO-repubblica.it Mentre il governo Berlusconi varava la legge che bocciava il gestore pubblico dell’acqua, facendolo finire in serie B e costringendolo per legge a restare in minoranza nelle aziende quotate in Borsa, grandi città, comprese quelle che per decenni avevano sperimentato la gestione privata, decidevano di puntare sul pubblico. Parigi, Berlino, Johannesburg, Buenos […]

Share
Il cavaliere triste e maleducato.

di Mario Ajello-ilmessaggero.it Annoiato. Un po’ triste. Non acclamato dalla folla che assiste insieme a lui alla parata (solo qualche applauso e qualche fischio). Molto evitato da Fini, che lui a sua volta evita clamorosamente. Poco chiacchierone con Napolitano il quale, se non freddezza, sembra dimostrargli una lieve distanza. E scarsamente protocollare con re Juan […]

Share
L’autonomia dell’elettorato: come l’astensione ha punito il sistema dei partiti.

The (election) day after di Piergiorgio Odifreddi-repubblica.it Passata l’euforia per i risultati dei ballottaggi, può essere utile meditare brevemente sui fatti e sulle interpretazioni delle elezioni amministrative. Anzitutto, il dato più significativo è quello delle percentuali di votanti: l’affluenza alle urne è stata del 60,08% degli aventi diritto per le comunali, e del 45,23% per […]

Share

Share
Archivio
Tematiche
Cerca
Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers: