Il sindacato di Polizia contro le ronde: : “Esiste già il dovere civico dei cittadini di chiamare polizia e carabinieri se succede qualcosa, che senso hanno queste ronde?”

(AGI) – Milano, 24 feb. – Accuse di tradimento per le promesse non mantenute vengono lanciate dal Siulp di Milano al Governo.
“La decisione di istituire le ronde – ha detto Gabriele Ghezzi, segretario cittadino del Siulp – fa venire in mente una mancanza di fiducia da parte del Governo verso la polizia. Siamo frustrati, si autorizzano le ronde ma la nostra situazione è ferma da anni”.

Le lamentele da parte dei poliziotti milanesi arrivano il giorno dopo la visita al capoluogo lombardo del ministro dell’Interno Roberto Maroni, che ha visitato il comando regionale dei Carabinieri. Ieri in conferenza stampa il Ministro ha promesso 100 milioni di euro per nuove assunzioni e altri 100 per la manutenzione delle auto. “Per la benzina e le auto ferme servirebbe una finanziaria – attacca Ghezzi – altro che cento milioni”. E sulle ronde dice: ‘Esiste già il dovere civico dei cittadini di chiamare polizia e carabinieri se succede qualcosa, che senso hanno queste ronde?’. Il Siulp ha anche attaccato il questore di Milano, Vincenzo Indolfi e lo ha definito: “Inadeguato, ignaro a qualsiasi sollecitazione e in fuga mentre la nave affonda”.

Secondo il Siulp le colpe del Questore sarebbero di non fare abbastanza per consentire agli agenti di lavorare al meglio e cita alcuni esempi: “Il commissariato Greco Turro fatiscente, 13 poliziotti di un ufficio Digos costretti a lavorare in 12 metri quadri, e ancora la carenza di personale alla Polposta e Polstrada”. Beh, buona giornata.

Share this nice post:
Share this nice post:
Share and Enjoy:
  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
Share

Rispondi


Share
Archivio
Tematiche
Cerca
Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers: