“Se il premier cerca un riavvicinamento con la Chiesa deve semplicemente cambiare stile di vita, deve semplicemente fare il politico e non il manager o l’uomo di spettacolo”.

Boffo, La Cei torna all’attacco: “Avvertimento mafioso”-Repubblica.

Nel fascicolo riguardante il procedimento per molestie a carico di Dino Boffo “non c’è assolutamente alcuna nota che riguardi le sue inclinazioni sessuali”. A confermarlo è il gip di Terni Pierluigi Panariello. Che cos’è allora la “velina” anonima recapitata ai vescovi italiani (che l’hanno cestinata) e finita nelle mani di Feltri (che l’ha citata testualmente sul Giornale)? “Un’intimidazione che da siciliano definirei di tipo mafioso”, risponde monsignor Domenico Mogavero, vescovo di Mazara del Vallo e presidente del consiglio Cei per gli affari giuridici.

La Cei. Ricevuta l’informativa sul direttore dell’Avvenire, il monsignore racconta di averla “cestinata” e di essere “rimasto indignato della cosa”. Un testo del genere, “indirizzato a più persone”, ha lo scopo di “un avvertimento” che, osserva il vescovo, “io da siciliano definirei di tipo mafioso” in particolare “nei confronti dei due cardinali citati, Camillo Ruini e Dionigi Tettamanzi”. L’intera vicenda legata a questa informativa per Mogavero è “un affaraccio brutto”,”inquietante”, “spazzatura maleodorante” e “prestarsi a un gioco di questo genere è offensivo della dignità delle persone, della libertà di stampa e anche di una certa professionalità. Non credo proprio – sottolinea – si tratti di un autentico scoop”.

Il vescovo di Mazara del Vallo ragiona anche sulle conseguenze del caso Boffo. “Bisogna capire – spiega – che quando si entra nel piano della rappresaglia si sa da dove si comincia ma non si sa dove si va a finire, soprattutto perchè esistono persone che poi in queste situazioni ci sguazzano. Certi signori – rimarca – si sono assunti la responsabilità morale di aver messo in moto un meccanismo che speriamo si fermi qui”. In merito alla rivendicazione del direttore del Giornale di avere agito in autonomia dal presidente del Consiglio, Mogavero afferma: “Nessuno nega autonomia a Feltri ma non sono disponibile a pensare che nessuno della proprietà del Giornale fosse al corrente di quanto si stava per pubblicare, saremmo fuori dal mondo se si sostenesse una cosa del genere. Può essere che non lo sapesse il presidente del Consiglio – conclude – ma non la proprietà”.

Tutta la vicenda “peserà sui rapporti Stato-Chiesa”. Infatti, “se il premier – continua il vescovo – cerca un riavvicinamento con la Chiesa deve semplicemente cambiare stile di vita, deve semplicemente fare il politico e non il manager o l’uomo di spettacolo”. Poi, prosegue Mogavero, “il giudizio sulla sua politica lo daranno il Parlamento e la storia ma se cerca la vicinanza con il mondo ecclesiastico deve assumere un rigoroso stile di vita”. “Non ci interessa la sua vita privata – conclude – ci interessa che non ne faccia motivo di spettacolo”. Secondo Mogavero la vicenda si trasformerà in “una bomba a orologeria” e, aggiunge, “mi dispiace che il povero Boffo abbia dovuto pagare un prezzo così alto ma se questo è servito a far saltare l’incontro tra il segretario di stato vaticano il card. Tarcisio Bertone e il premier Silvio Berlusconi all’Aquila, sono contento”.

Il giudice di Terni. Il gip di Terni conferma che la “velina” utilizzata da Il Giornale di Feltri per la Giustizia non esiste e non è mai esistita, così come nessuna nota che riguardi l’orientamento sessuale di Boffo. Il giudice di Terni si sta occupando della vicenda essendo stato chiamato a decidere in merito alle richieste di accesso agli atti presentate da diversi giornalisti. Sulla medesima istanza deve esprimere un parere anche il procuratore della Repubblica Fausto Cardella. Dopo che lo avrà fatto gli atti passeranno al gip che dovrà pronunciarsi (una decisione è attesa non prima di domani mattina). Già in passato altri cronisti presentarono richiesta di accesso agli stessi atti ma il gip di allora respinse le istanze. La vicenda di Boffo venne definita con un decreto penale di condanna di 516 euro relativo al reato di molestie alla persona. Un atto al quale il direttore di Avvenire non fece opposizione e quindi la vicenda si chiuse senza la celebrazione del processo. Nell’indagine venne ipotizzato anche, inizialmente, il reato di ingiurie, ma la querela che ne era alla base – secondo quanto emerge dallo stesso fascicolo – venne poi rimessa. Tra gli atti del procedimento non figurano intercettazioni telefoniche. Ci sono invece i tabulati relativi al telefono di Boffo dal quale partirono le presunte chiamate moleste. (beh, buona giornata).

Share this nice post:
Share this nice post:
Share and Enjoy:
  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
Share

Rispondi


Share
Archivio
Tematiche
Cerca
Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers: