Mostri la Luna, guardano il dito, e ti insegnano pure come tagliarti l’unghia dell’indice.

“Quando la maggior parte di una società è stupida allora la prevalenza del cretino diventa dominante ed inguaribile.” (Carlo M. Cipolla,”Le Leggi fondamentali delle stupidità umana”)

A proposito della pillola della stupidità, di cui mi sono occupato qualche giorno fa,
almeno una dovrebbe essere offerta a chi avversa l’idea del federalismo, con la certezza che gli stupidi sono pervicaci, quindi capace che la danno al gatto, invece che assumerla per via orale.
Perché, come scriveva in un famoso, ma non per gli stupidi, ovviamente, libretto di qualche anno fa Carlo M. Cipolla, Professore Emerito di storia Economica a Berkeley, gli stupidi sono quelli che fanno e dicono cose talmente stupide da essere loro stessi la prima vittima della loro stupidità, secondo i dettami della Terza Legge delle Stupidità Umana: “Una persona stupida è chi causa un danno ad un altra persona o gruppo di persone senza nel contempo realizzare alcun vantaggio per sé o addirittura subendo una perdita. “

Per capirsi, lo stupido crede, perché lo stupido è un credulone, arrogante e prosaico, che federalismo si pronunci con uno spiccato accento del nord Italia. Nella sua polemica, dotta e piena di citazione contro il federalismo, l’antifederalista cita la tesi secondo la quale il federalismo è male, dimostrazione è nel fatto che ha un accento, udite udite, lombardo-veneto. E’ una tesi tisica, ma è caldeggiata con foga: insomma, “calderoleggiata”. Gli stupidi, come gli estremi si toccano. O meglio, fanno Lega.

Volete un esempio? Renato Soru, presidente, non del lombardo-veneto, ma della Regione Sardegna ha varato una legge “federalista”: nuove tasse su case al mare, yacht e aerei. Si capisce: chi usa la risorsa Sardegna, lasci alla Sardegna risorse per chi vive e lavora in Sardegna.

Ribattezzate “imposte sul lusso”, le leggi della Regione Sardegna hanno provocato la rivolta del popolo vip di Porto Cervo e dintorni. Leader della protesta, un ragioniere che di cognome fa Briatore: che, chiamati a raccolta i clienti (noti e meno noti) del suo locale, Billionaire, ha deciso di passare al contrattacco. Con tanto di campagna di inserzioni sui giornali – locali e nazionali – per dire a tutti che quelle tasse sono ingiuste, punitive.

Perché, a suo parere, penalizzano gravemente il turismo sardo. Come sono altruisti gli evasori fiscali! E con una festa che si terrà al Billionaire (ma và!) per sensibilizzare la gente, quella ricca, contro i provvedimenti di Soru.

Però, a giudizio di Soru, Billionaire o no, quei soldi – da parte di proprietari di case e yacht – vanno versati all’erario. Punto e basta.

Perché? Il capo dell’esecutivo regionale, interpellato dai cronisti, si limita a ricordare che, dal punto di vista suo e della sua giunta, “la tassa sul lusso non è una tassa sul lusso ma per l’ambiente”.

Vorrei anche ricordare agli avversari del federalismo, che lo sono tanto per dire qualcosa che faccia almeno finta di essere di sinistra, che Soru ha anche imposto la dipartita delle basi militari americane dall’isola: la fine delle servitù militari potrebbe avvenire tra breve.

Toh, vuoi vedere che il federalismo fiscale ha anche dei risvolti positivi in politica estera? Lo dico per pura cattiveria contro gli stupidi: almeno qualche senso di colpa “pacifista” gli dovrà pur venire!

Forse, ma dico forse, perché con gli stupidi non si sa mai, tanto che è stata appena inventata una cura, dire Lega Nord e dire federalismo sono due cose diverse. Forse, e dico forse, perché gli stupidi sono immarcescibili, togliere dalle mani di quei buzzurri che hanno inventato la Padania il concetto stesso di federalismo, che ha padri nobili, come ci viene ricordato spesso a sproposito, sarebbe, ma è meglio dire è, la cosa migliore che si possa fare per sconfiggere il berlusconismo: nel sociale, dopo averlo fatto, di stretta misura nel politico.

C’è una malattia antropologica nel fare politica: la stupidità, appunto. Perché, detto in una pillola, l’intelligenza (politica) è la capacità veloce di adattarsi a ogni nuova situazione (politica). La stupidità in politica è pericolosa come mettere un’ arma da fuoco in mano a un bambino. Come sostiene Cipolla: la persona stupida è il tipo di persona più pericolosa che esista. Te la trovi dove meno te l’aspetteresti. Beh, buona giornata.

Share this nice post:
Share this nice post:
Share and Enjoy:
  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
Share

Rispondi


Share
Archivio
Tematiche
Cerca
Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers: