Saluti comunisti.2/

Risposta a Sergio Boccadutri

Caro Sergio, come tu scrivi le rotture portano con sé un carico pesante di emotività. Che tu abbia deciso di lasciare il partito e conseguentemente l’incarico di tesoriere che hai ricoperto negli ultimi anni, non è cosa lieve per questa comunità. Non lo è dal punto di vista delle relazioni umane, che certo vanno comunque preservate. Non lo è rispetto al funzionamento del partito e alla necessità di trovare un sostituto al ruolo che hai ricoperto, con una correttezza che ti riconosciamo tutta. Né lo è per le motivazioni politiche che porti, molto dure.

Come ti ho scritto immediatamente dopo aver ricevuto la lettera, vorrei avere avuto un luogo in cui fosse possibile discutere. Questo è avvenuto per una delle questioni che tu poni ed a cui dai grande rilevanza nella lettera, ma mai, incredibilmente, per nessuna delle altre. Su Liberazione, sulla scelta di operare per il suo rilancio abbiamo avuto un dissenso esplicito, in più riunioni della segreteria. Il tentativo che il giornale sta facendo, ad oggi fruttuosamente – con una risposta assai significativa in termini di abbonamenti, sottoscrizioni, iniziative importanti come quelle degli artisti che hanno donato le loro opere – ci hanno indotto a pensare che delle due strade che sempre esistono per risanare un bilancio, andasse percorsa non quella dei tagli, ma quella di un rinnovato investimento di fiducia. Comunque su questo, si è per l’appunto discusso. Il contrasto di opinioni è stato esplicito, come lo è l’assunzione di responsabilità da parte della segreteria nell’aver scelto questa strada.

Ma sul resto? “La generosità antica di chi condivide un vincolo forte di appartenenza” come scrivi, non avrebbe dovuto comportare la possibilità per questa comunità di persone, per coloro con cui tu hai lavorato a fianco per mesi, di conoscere quello che era il tuo giudizio, la tua critica e il tuo dissenso, per quanto aspro fosse e di poter, di questo, discutere? Si possono dire molte cose di questo partito, ma non sicuramente che non sia un luogo democratico. Fino in fondo. Un luogo con molti limiti, ma in cui tutti possono dire quello che pensano. Un luogo in cui, in virtù esattamente della scelta che abbiamo fatto di “gestione unitaria”, nessuno viene espulso dalla segreteria o estromesso dagli incarichi che ricopre, quale che sia la sua distanza e la sua critica rispetto alla linea di maggioranza. Una cosa non piccola, con i tempi che corrono, pesantemente segnati dalla riduzione plebiscitaria della politica. Un’idea della democrazia faticosa, ma praticata con coerenza.

E da quale documento e da quale affermazione di quale dirigente hai tratto il giudizio che l’obiettivo perseguito sia, “la meccanica autopromozione” del gruppo dirigente, accusato di stare in piedi solo per la “speranza.. di riempire quelle caselle”, cioè come si capisce dalla lettera, di occupare qualche posto in Parlamento? Che ci sia l’obiettivo di riportare il Partito, la Federazione, la sinistra di alternativa in Parlamento è evidente ed esplicito. E certo converrai: non credo di dover argomentare come l’estromissione della sinistra dai massimi livelli istituzionali sia uno dei dati che segnano drammaticamente il quadro politico esistente. Ma da quale dichiarazione o da quale comportamento ti senti autorizzato a trarre il giudizio che esprimi? Alle elezioni europee, che abbiamo affrontato con la speranza di riuscire ad eleggere una rappresentanza istituzionale, il segretario di Rifondazione, sollecitato a candidarsi da moltissime parti, ha rifiutato di farlo, per lavorare a tempo pieno al partito e perché questo era evidentemente incompatibile con la presenza che pure speravamo di conquistare a Bruxelles. Invece si è candidato – scelta discutibile certo- in una situazione difficilissima alle scorse regionali. In Campania, dove l’alleanza con il centrosinistra, che pure abbiamo costruito in molte altre realtà, era impraticabile per il profilo inaccettabile del candidato del PD. In una situazione in cui era quasi impossibile sperare di essere eletti, ma si trattava piuttosto di dare una mano in una condizione difficilissima e evidentemente “testimoniale”. E più di un membro della segreteria ha rifiutato “collocazioni” istituzionali alle scorse regionali. Nuovamente si potranno dire molte cose, ma non che non vi sia una tensione costante ad informare i propri comportamenti ad una etica della politica che è l’opposto del cinismo privatistico della propria autocollocazione.

E perché non ci hai mai dato la possibilità di parlare con te di “politica alta” come la chiami? Non so cosa vuoi dire con questo. Penso si tratti della nostra proposta politica complessiva. Non è così difficile da comprendere. Si compone di tre elementi connessi tra loro. Il primo è la necessità di un’alleanza elettorale larga per poter mandare a casa Berlusconi e difendere la Costituzione, con un accordo su alcuni punti anche sul terreno sociale, ma senza la riproposizione di un accordo organico di governo per cui non vediamo ad oggi le condizioni. Un alleanza in cui sia possibile conquistare anche l’obiettivo di liberare il paese, attraverso una legge elettorale proporzionale, da un maggioritario che in questi anni ha garantito tanto lo strapotere di Berlusconi, quanto la distruzione della sinistra. Il secondo è la necessità di costruire percorsi che uniscano una sinistra autonoma dal PD, sui contenuti e nel vivo delle relazioni sociali, ponendo fine alla lunga stagione delle divisioni. Il terzo nodo è la costruzione di un movimento duraturo: conflitto, progetto e partecipazione, indispensabili per qualsiasi prospettiva di alternativa. Si potrà dire che è difficile. Ma è politica. Per noi è la proposta più giusta e più realistica. Senz’altro più giusta di quella di chi dice che è indifferente se al governo ci sta Berlusconi o il centrosinistra. Ed anche più realistica di chi pensa sia possibile, oggi, un’alleanza organica di governo.

Ci sono cose su cui io credo tu abbia parzialmente ragione. E’ troppo forte la divisione per appartenenze pregresse, che è cosa diversa dalla dialettica sempre legittima tra diverse posizioni politiche. E’ troppo il tempo che consuma, ed il tempo che abbiamo è una risorsa preziosa, da spendere per cambiare il mondo. E la Federazione della Sinistra – che non è solo un cartello elettorale – ha certamente bisogno di usare il prossimo congresso come un’occasione di apertura ai conflitti sociali, alle energie intellettuali e alla passione politica che vive nella nostra società. Si poteva discuterne.

C’è un’ultima cosa che voglio dirti. Forse per il ruolo che svolgo, insieme ai tanti limiti e alle tante inadeguatezze di questo partito, vedo anche altro. Vedo circoli e federazioni che da mesi stanno lavorando per la mobilitazione del 16 ottobre, e lo fanno nei territori, con delegate e delegati, lavoratrici e lavoratori, con cui faticosamente hanno ricostruito una relazione, a partire dalle tante vertenze in difesa dei posti di lavoro. Vedo un partito che si è generosamente speso insieme a tanti altri per raccogliere le firme per i referendum sull’acqua pubblica. O le pratiche straordinarie delle Brigate di Solidarietà di cui tanti nostri compagni e compagne sono parte importante, che sono riuscite ad organizzare a Nardò un campo di solidarietà e autorganizzazione dei lavoratori agricoli migranti, che è un’esperienza unica.

Va tutto bene dunque? No, non va tutto bene. Ma certo tutte/i noi meritavamo un po’ di più che non apprendere, via mail, i tuoi giudizi e le tue scelte.

Con la speranza di incontrarsi nuovamente e il suggerimento che mi sento di darti. Un ruolo, qualsiasi ruolo in un partito politico, certo nel nostro – compreso quello di tesoriere – non è un compito ragionieristico in cui si chieda ad una persona di rinunciare a quello che pensa, di autocensurarsi. L’esercizio faticoso della democrazia è diritto e io credo, anche dovere, di tutte e tutti. Ogni giorno.

Roberta Fantozzi
(Beh, buona giornata)

Share this nice post:
Share this nice post:
Share and Enjoy:
  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
Share

Una replica a “Saluti comunisti.2/”

  1. alessio rizzi ha detto:

    leggo che tra i 3 elementi della proposta politica complessiva di rifondazione c’è: “la costruzione di un movimento duraturo”… comprando una discoteca e ballando dalla mattina alla sera?
    a parte gli scherzi come si può pensare nel XXI secolo che un partito abbia ruolo, anzi sia protagonista, nella costruzione dei movimenti? ma allora non avete capito nulla????
    Per il resto mi sembra che la lettera confermi quello che sostiene Boccadutri. Infine che la federazione della sinistra sia soltanto un cartello elettorale è comprovato dal semplice fatto che altrimenti già i due partiti della falce e martello si sarebbero riunificati da tempo…

Rispondi


Share
Archivio
Tematiche
Cerca
Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers: