Tredicesime leggere e tristi.

(fonte: blitzquotidiano.it)

Tredicesime piu’ leggere ma questo Natale gli italiani sarebbero ancora pronti a superare gli altri cittadini europei nello shopping delle feste. Mentre sull’Italia arriva un altro Natale di crisi con la previsione di dover pagare, per chi le paga, ancora piu’ tasse dal nuovo anno, la Cgia di Mestre ha calcolato di quanto si ridurra’ la tredicesima dei lavoratori dipendenti dovuta al calo del potere d’acquisto determinato dall’aumento dell’inflazione che ormai dal 1992 non viene piu’ calcolata in automatico nell’adeguamento degli stipendi. Questo comporta che quando l’inflazione comincia a correre, come e’ avvenuto quest’anno, gli stipendi reali si riducono.

La Cgia di Mestre ha calcolato che un operaio con una retribuzione lorda annua pari a poco piu’ di 20.000 euro, quest’anno portera’ a casa una tredicesima di 1.197 euro netti: 21 euro nominali in piu’ rispetto al 2010, ma per effetto dell’inflazione di fatto 10 euro in meno. Stesso destino per gli impiegati che, con una retribuzione lorda annua pari a poco meno di 24.700 euro, perderanno 12 euro reali di tredicesima (a fronte di un aumento nominale di 23). Nel caso di un quadro con un reddito di poco superiore ai 48.500 euro, la tredicesima mensilita’ di quest’anno si restringera’ di 25 euro ma la busta paga dara’ l’illusione di aver in tasca ben 38 euro in più.

Nonostante questo gli italiani, stando alle previsioni dell’organizzazione agricola Coldiretti, sarebbero disposti a buttarsi a capofitto nello shopping natalizio che apre la sua stagione questo week end. Sulla base dell’indagine ”Xsmas Survey 2011” di Deloitte le famiglie italiane avrebbero pianificato per le spese di Natale un budget medio di 625 euro (-2,3% rispetto al 2010), ampiamente sopra la media europea ferma a 587 euro a famiglia, per non parlare dei morigerati Olandesi dove, a fronte di stipendi medi di 2.000 euro al mese, per lo shopping di natale sacrificheranno solo 250 euro.

Il 40% del budget italiano sara’ comunque destinato al cibo. Pranzi, cene e regali culinari sono in cima ai pensieri di chi fa compere, subito dopo, 39%, arrivano i regali non commestibili, 13% per i viaggi e solo il 7% per le attivita’ di socializzazione. Sempre secondo le aspettative di Coldiretti, gli italiani acquisteranno per Natale prodotti alimentari tipici per un valore di piu’ di 2 miliardi di euro. Mentre il Gambero Rosso pubblica anche quest’anno la sua guida sui migliori vini sotto gli 8 euro.
Non e’ escluso infine che qualcuno approfitti degli scambi dei regali natalizi per tornare al primitivo baratto, trasformando il riciclo cafone nel suo cugino piu’ trendy. (Beh, buona giornata).

Share this nice post:
Share this nice post:
Share and Enjoy:
  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
Share

Rispondi


Share
Archivio
Tematiche
Cerca
Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers: