I casi di Grecia e Italia hanno fatto scuola: la Ue è autorizzata a scavalcare le sovranità nazionali.

Arriva la tutela dell’Eurozona. Ispettori Ue per Paesi in difficoltà
Il ‘six pack’ approvato dall’Unione prevede la nascita a livello nazionale di un ‘Consiglio indipendente di bilancio’ autonomo e con il compito di monitorare l’applicazione delle regole di bilancio. La Commissione europea deciderà se inviare ispettori che raccomanderanno gli aiuti finanziari

Un Paese dell’Eurozona con problemi di stabilità potrà essere sottoposto alla “vigilanza rafforzata” della Commissione Ue che poi invierà regolarmente ispettori che verificheranno l’operato e proporranno al Consiglio di ‘raccomandare’ aiuti finanziari. Secondo due regolamenti che saranno varati mercoledì, rappresentanti dei Paesi sotto tutela potranno essere invitati a riferire al Parlamento Ue, così come esponenti della Commissione potranno andare a spiegare la situazione ai Parlamenti nazionali.

Il nuovo giro di vite sul controllo dei conti pubblici nazionali e sui piani destinati ad assicurare la loro sostenibilità, si spiega nei due provvedimenti, deriva dalla necessità di applicare in concreto e in dettaglio la riforma della governance economica sancita nel cosiddetto ‘six pack’ da poco approvato dall’Ue. Oltre a prevedere la nascita a livello nazionale di un ‘Consiglio indipendente di bilancio’ – totalmente autonomo dalle autorità preposte e con il compito di monitorare l’applicazione delle regole di bilancio – i provvedimenti in arrivo fissano il calendario delle politiche fiscali.

Entro il 15 aprile dovrà essere presentato il programma di bilancio a medio termine, per il 15 ottobre dovrà arrivare la bozza della legge finanziaria, la Commissione potrà presentare le sue osservazioni entro il 30 novembre e per il 31 dicembre la legge di bilancio dovrà essere approvata. Se un Paese soggetto a un programma di aggiustamento dei sui conti dimostrerà un’insufficiente capacità amministrativa e altri problemi nell’applicazione del programma stesso – si legge ancora nei testi dei provvedimenti – “dovrà chiedere” assistenza tecnica alla Commissione.

La Commissione potrà anche proporre al Consiglio che deciderà a maggioranza qualificata di dichiarare “inadempiente” un Paese che non ha saputo mantenere gli impegni presi. Esponendolo così, si ricorda nella proposta di regolamento, al rischio di sospensione del versamento dei fondi strutturali, sociali, di coesione, per lo sviluppo rurale e per le politiche marittime.
(Beh, buona giornata).

Share this nice post:
Share this nice post:
Share and Enjoy:
  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
Share

Rispondi


Share
Archivio
Tematiche
Cerca
Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers: