In tempi di crisi, il fine giustifica i mezzi (pubblicitari).

NYT, pubblicità in prima pagina per far fronte alla crisi economica.

di RAFFAELLA MINICHINI, da repubblica.it

La crisi colpisce il cuore del quotidiano forse più celebre del mondo: il New York Times da oggi vende un “pezzo” della sua prima pagina alla pubblicità contaminando quello che storicamente è sempre stato considerato lo spazio sacro dell’informazione.

La “striscia” comparsa oggi a colori nel taglio basso della prima pagina è stata acquistata dalla Cbs. Come di consueto, il giornale ha informato i lettori delle motivazioni e modalità dell’ennesimo provvedimento d’emergenza per tappare le falle del bilancio aziendale in quello che lo stesso Nyt ammette essere stato il “peggior periodo di entrate dai tempi della Depressione”. Le cifre sono allarmanti per il quotidiano di New York: meno 13,9% rispetto a novembre 2007, meno 7,6% nell’ultimo anno.

All’inizio di dicembre il giornale aveva annunciato un’altra iniziativa clamorosa: l’ipoteca per 225 milioni di dollari del grattacielo di 52 piani nel cuore di Manhattan progettato da Renzo Piano e inaugurato con grande esposizione mediatica poco più di un anno fa, di cui l’azienda editoriale possiede il 58%. Altre misure comprendono il ridimensionamento delle pagine, la chiusura di alcune attività sussidiarie, l’aumento dei prezzi degli abbonamenti.

La pubblicità in prima pagina non è consuetudine di tutti i quotidiani americani: finestre pubblicitarie compaiono sulla copertina di Wall Street Journal, Usa Today, Los Angeles Times, ma non ad esempio sul Washington Post. l prezzo degli ambiti 6 centimetri non è stato reso noto, anche se il giornale sostiene che non c’è differenza con gli spazi interni ma si procede con accordi di acquisti di spazi multipli su varie sezioni del giornale se l’inserzionista desidera comparire sulla “vetrina” di prima. “Resta da vedere quanto si riuscirà a vendere nel clima attuale di crollo degli investimenti pubblicitari”, è però la realistica valutazione fatta dallo stesso New York Times nell’edizione di oggi.

In passato il Nyt aveva pubblicato “in rare occasioni” spazi pubblicitari in prima pagina fatti di poche righe di testo. Erano comparse finestra composte da testo e immagini nelle copertine delle sezioni intermedie, ma la testata – scrive oggi Richard Perez-Pena sullo stesso Nyt – “non aveva mai venduto finestre in prima pagina, considerandola un’intrusione commerciale nello spazio informativo più importante del giornale”. (Beh, buona giornata)

Share this nice post:
Share this nice post:
Share and Enjoy:
  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
Share

Rispondi


Share
Archivio
Tematiche
Cerca
Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers: