La classe operaia senza sinistra?

di Francesco Piccioni-Il Manifesto

Una domanda per Bersani, Ferrero, Vendola e Di Pietro: «Chi rappresenta gli interessi dei lavoratori?». La Fiom chiama i partiti di sinistra a confrontarsi sul tema del lavoro. E domattina Nichi Vendola, Paolo Ferrero e Antonio Di Pietro si troveranno di fronte a una platea di 500 delegati metalmeccanici; un pienone che lascerà fuori un numero assai più alto di delegati che vorrebbero esserci, nonostante i molti impegni di mobilitazione in corso anche in questi giorni e l’impegno totale delle strutture sindacali nelle zone terremotate dell’Emilia.

Ci sarà anche Luigi Bersani, che è segretario del partito più grande, ma anche l’unico dei quattro a sostenere il governo Monti che proprio sul lavoro – tra «riforma» delle pensioni, cancellazione dell’art. 18, drastica riduzione degli ammortizzatori sociali e conferma perenne della precarietà – ha esibito socialmente il peggio di sé.

Per lui, insomma, sarà probabilmente meno facile trovare l’empatia con la platea. L’attesa del sindacato guidato da Maurizio Landini è che «la politica venga ad ascoltare, e magari anche che dica qualcosa di sinistra». Viviamo in tempi in cui la «crisi della rappresentanza» è concetto dibattuto persino nei talk show, ma quando si deve affrontare il tema concreto della «rappresentanza degli interessi materiali del lavoro» le bocche si chiudono, gli interlocutori diventano vaghi, le parole si arrampicano su ogni tipo di specchio.

L’obiettivo minimo è quindi quello di verificare se è possibile una riaprtura del «dialogo tra due mondi» che hanno percorso, nel bene e nel male, fianco a fianco la storia italiana del dopoguerra, ma che da tempo hanno smesso di parlarsi. Anche qui il discorso non è uguale per tutti, perché Rifondazione e Sel accompagnano in modo esplicito le rivendicazioni del mondo del lavoro; e altrettanto fa il partito-movimento di Di Pietro, con un occhio attento ai dati elettorali disaggregati per classi sociali; il Pd, invece, da molti anni si presenta ufficialmente come partito «neutrale» rispetto al conflitto tra capitale e lavoro, ma all’atto pratico – il voto su provvedimenti che danneggiano pesantemente il secondo – lascia cadere gli interessi dei più deboli in nome del «salvataggio del paese».
Il tentativo è insomma quello di un’interlocuzione alta con la politica, perché un sindacato non fa mai politica in proprio, anche se – ovviamente – nel suo agire esercita un peso indubbio sulla politica e anzi, nella storia italiana, ha per lungo tempo trovato nella politica una «sponda» attenta a tradurre in misure legislative gli interessi concreti dei lavoratori.

La crisi e la «fuga della sovranità» dallo Stato verso i «mercati internazionali» senza volto né nome hanno tranciato questi legami già molto indeboliti nell’ultimo ventennio. La domanda «è possibile ricostruirli?» è dunque non solo legittima ma necessaria.

Una parte della stampa, nei giorni scorsi, ha fatto circolare la voce che in realtà – con questa scadenza – la Fiom intendesse annunciare la sua «discesa in politica». Una tesi sostenuta in particolare da Luca Telese, su Il Fatto, curiosamente proprio alla vigilia dell’annuncio della sua «scissione» dal giornale diretto da Padellaro per andare a fondarne uno proprio.

In Fiom lo scherzo mediatico non è stato preso bene, perché – non è inutile ricordarlo, in tempi in cui «farsi un partito» è diventata un’attività imprenditoriale emergente – «il bene più prezioso di un sindacato è la sua autonomia da qualsiasi partito».

Un sindacato, infatti, chiama la gente a mobilitarsi, a scioperare, quindi a sacrificare una fetta di salario per raggiungere obiettivi tangibili. Non certo per «scaldare» una campagna elettorale…
Quella lettura «politicista» sembrava insomma quasi strillata a bella posta, per far derubricare l’incontro di domani a «normale» giro di valzer nello squalificato «teatrino della politica politicante». Che nel paese ha ormai una credibilità quasi zero, ma tra i metalmeccanici – atti legislativi alla mano – forse anche meno. (Beh, buona giornata).

20120609-011753.jpg

Share this nice post:
Share this nice post:
Share and Enjoy:
  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
Share

Rispondi


Share
Archivio
Tematiche
Cerca
Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers: