Paradossi pericolosi.

I paesi arabi hanno deciso di produrre energia nucleare. Lo ha riferito il segretario della Lega Araba, Amr Mussa. Al termine di una riunione al Cairo, Mussa ha annunciato che “i paesi arabi hanno deciso di utilizzare il diritto che è loro garantito dall’adesione al Trattato di non proliferazione nucleare per accedere all’uso pacifico di energia nucleare. Molti paesi hanno ora cominciato ad entrare in questo settore scientifico avanzato, necessario e critico”.

E’ una notizia che non farà piacere a Bush, che vorrebbe impedire all’Iran il nucleare, con la scusa che potrebbe costruire armi nucleari. I paesi arabi si schierano con Teheran e il suo dichiarato diritto a dotarsi di centrali per la produzione di energia nucleare. Ma, allo stesso tempo è un brutta notizia per i paesi importatori di petrolio, tra cui l’Italia.

Per ben due motivi: il primo è che se i maggiori produttori di petrolio vogliono produrre energia nucleare, allora è vero che i giacimenti petroliferi sono vicini all’esaurimento. La seconda pessima notizia è che il nucleare potrebbe diventare la fonte di approviggionamento energetico del futuro, vanificando le forti resistenze delle opinioni pubbliche europee sui pericoli dell’energia atomica.

L’aggravante sta nel fatto che una tecnologia con forti pericoli, sia nella produzione, che nella manutenzione, per non parlare dello stoccaggio delle scorie sarebbe in mano di governi a bassa intensità di trasparenza democratica, come sono i paesi arabi, moderati verso l’occidente, ma estremisti nella gestione del potere interno, compresa la libertà di stampa e dunque di critica verso le scelte energetiche di quei governi. Senza contare la vicinanza con l’Europa, e quindi il coinvolgimento oggettivo in caso di fughe radioattive.

Ed ecco un bel paradosso della contemporaneità: da un lato è giusto che i paesi meno economicamente sviluppati abbiano accesso a quelle tecnologie che finora sono state di esclusivo appannaggio delle potenze economiche più avanzate; d’altro canto l’uso di queste tecnologie aumenta i pericoli e mette in luce le debolezze strutturali di quei sistemi sociali che dovrebbero gestirle.

Se non avessimo perso tempo, denaro e vite umane nella pantomima delle guerre di civiltà, forse avremmo potuto discutere di un altro modello di sviluppo e di crescita, proprio a partire dall’energia, dalle sue fonti e magari avremmo potuto gettare almeno le basi per un alternativa, compatibile alle società umane e alla salute del pianeta. La guerra di Bush ha bloccato la storia. Ma la storia sta andando avanti. E non è detto che stia imboccando la strada giusta. Beh, buona giornata.

Share this nice post:
Share this nice post:
Share and Enjoy:
  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
Share

Rispondi


Share
Archivio
Tematiche
Cerca
Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers: