L’altro undici settembre.

C’è un 11 settembre di cui ci eravamo dimenticati. Ce lo ricordano gli scontri tra manifestanti e forze di sicurezza in Cile per l’anniversario del golpe del ’73: oltre 50 i feriti.

Colpite dalle pallottole anche due bimbe. Almeno 237 persone sono state arrestate. Il bilancio, ancora provvisorio, e’ stato reso noto dal sottosegretario all’Interno Felipe Harboe. Come accaduto in precedenti anniversari del colpo di Stato, gli incidenti più violenti sono avvenuti nei quartieri periferici della capitale.

L’11 settembre del 1973 è la data del colpo di stato organizzato da Augusto Pinochet, al quale furono portati i complimenti della Casa Bianca dall’allora Segretario di Stato Henri Kissinger.

Il governo di Pinochet fu caratterizzato dalla soppressione sistematica di tutta l’opposizione di sinistra.
Le violenze peggiori occorsero nei primi giorni successivi al colpo di stato, con il numero di militanti di sinistra uccisi o “scomparsi” che raggiunse presto le migliaia. Furono utilizzati gli stadi di calcio come luoghi di prigionia.

Successivamente alla sconfitta di Pinochet nel plebiscito del 1989, si scoprì che circa 3.000 persone erano state uccise o fatte sparire dal regime, con diverse altre migliaia che furono imprigionate e torturate.

Il Cile di Pinochet fu un partecipante chiave dell’Operazione Condor, una campagna di assassini e raccolta di informazioni, spacciata per controterrorismo, condotta congiuntamente dai servizi di sicurezza cileni assieme a quelli di Argentina, Bolivia, Brasile, Paraguay, ed Uruguay nella metà degli anni ’70. La Cia fornì il know how.

Nel solo Cile furono brutalmente assassinate oltre tremila persone. Qualche centinaio in meno delle vittime dell’attacco alle Torri Gemelle dell’11 Settembre del 2001.

Nel ricordare le quali sarebbe bene non dimenticare la storia, le storie, le persone di coloro che persero la vita in un altro maledetto e tragico 11 settembre. Beh, buona giornata.

Share this nice post:
Share this nice post:
Share and Enjoy:
  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
Share

Una replica a “L’altro undici settembre.”

  1. martina ha detto:

    Il Cile è un bel problema. Io ho un problema con il Cile. Era un paese maturo, al punto che la propaganda feroce non riusciva a togliere dignità alla democrazia (Allende rieletto ne è il simbolo). E questo esempio di democrazia così inaccettabile per “il mondo libero” urla nelle mie orecchie fino a far esplodere i timpani. L’Italia di più di trent’anni dopo non è un paese altrettanto maturo, se la politica non è libera di dire ciò che ritiene giusto, ma dice solo ciò che ritiene accettabile per il pubblico consumatore. Lo so che le mie parole hanno il sapore di manifesti affumicati dalle sigarette in assemblea, che a leggere sembra di vedere “compagni” su sedie dure che si interrogano sulle azioni di lotta, insomma, hanno il gusto antico di un’ideologia superata. Ma la verità è che la giustizia è una cosa semplice. Cosa fa Allende di pericoloso? Dà latte e quaderni a tutti i figli. Mi sembra un’idea semplice e giusta. Non mi sembra un progetto criminale. E i Cileni, mandando i figli a scuola, se ne fregano dell’inflazione. E continuano a credere nel progetto. Questa è maturutà. Capire la differenza tra sostanza e propaganda. Noi non ne siamo capaci. Ditemi voi se a pensarci, non vi viene uno sconforto micidiale. E’ questo il mio problema con il Cile.

Rispondi


Share
Archivio
Tematiche
Cerca
Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers: