Per Draquila della Guzzanti una grande campagna pubblicitaria, con Bondi, Brambilla e Bertolaso come testimonial.

Il ministro della Cultura, Sandro Bondi, ha «declinato» l’invito a partecipare al prossimo festival di Cannes, esprimendo «rincrescimento e sconcerto per la partecipazione di una pellicola di propaganda, Draquila, che offende la verità e l’intero popolo italiano».

Draquila è un docufilm satirico scritto e interpretato da Sabina Guzzanti, sulla vicenda della ricostruzione de L’Aquila, colpita dal terremoto.

Giorni fa il ministro del Turismo Micaela Brambilla ha detto: “Mi riservo di dare mandato all’avvocatura dello Stato per i danni che queste immagini potrebbero arrecare al nostro paese. Queste immagini mi indignano e mi offendono ancor prima come cittadino che come ministro. E’ ora di finirla di gettare discredito sul nostro paese. La sinistra da mesi critica e cerca di buttare fango sulla nostra Italia”.

Ma il primo a urlare alo scandalo è stato il capo della Protezione civile, Guido Bertolaso: “Portando Draquila a Cannes credo che l’Italia non farà una bella figura. Presto, prestissimo, si parlerà di noi e dell’Aquila, a un festival del cinema si presenterà una verità che non è ‘la’ verità ma, appunto ‘una parte’ di verità”.

Se queste cose avessero un senso, allora dovremmo dire che tutta la stagione del neo-realismo italiano, per esempio, ha gettato discredito alla rinascita e alla ricorstuzione dell’Italia post-bellica. Cosa, che tutti sanno è risultata essere stata proprio l’esatto contrario.

D’altro canto c’è poco da stupirsi: per quanto sia avvilente, questa è la realtà del livello politico e culturale degli uomini e delle donne del nostro attuale governo. Per far bella figura davanti al loro capo, il Cavaliere, non si rendono neppure conto che sono proprio queste insensate dichiarazioni di servilismo che gettano discredito sul nostro Paese.

Parole che fanno il verso ai quei tempi bui e feroci, quanto cialtroni e ridicoli in cui la Cultura di questo paese era diretta dal famigerto Minculpop, il ministro della propaganda durante il Fascismo.

Detto questo, c’è da notare un risvolto incredibilmente grottesco: così facendo, i membri del governo stanno interpretando, inconsapevolmente e gratuitamente, il ruolo di testimonial di una inedita campagna pubblicitaria a favore di Draquila, che a questo punto rischia seriamente di vincere un premio a Cannes. Da non credere. Beh, buona giornata.

Share this nice post:
Share this nice post:
Share and Enjoy:
  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
Share

Rispondi


Share
Archivio
Tematiche
Cerca
Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers: