Da dove viene chi ha compiuto la strage di Oslo.

di CARLO BONINI-laRepubblica

Per raccontare la tenebra da cui è uscito Anders Behring Breivik e che altri come lui incuba, per definire il bolo di odio che avvelena la Norvegia e un pezzo di Europa, bisogna dimenticare la storia del Novecento e le sue categorie politiche.

E convincersi che persino parole come “Destra”, “Fascismo”, “Nazismo” possono risultare vuote, quantomeno inadatte. Bisogna immaginare una subcultura nazionalista contagiosa, cresciuta all’ombra di un Pantheon impazzito che tiene insieme la Bibbia e il rock Black Metal, il Compasso e le Crociate, il “paganesimo Odinista” con le sue reminiscenze di miti nibelungici. Tolkien con John Stuart Mill. Che ha in odio i religiosamente diversi – musulmani ed ebrei – i socialmente assistiti, i padroni della globalizzazione mercatista (le banche), la solidarietà marxista e laburista. Ugo Maria Tassinari, tra i più attenti studiosi dell’evoluzione delle destre in Italia e in Europa, spiega: “Lo sterminio di Oslo è l’espressione di un integralismo nero da terzo Millennio. Che esalta l’identità, nell’odio della modernità. E che ha rimesso al centro la Croce. Si badi bene, non il cattolicesimo. Ma un cristianesimo declinato in chiave ideologicamente violenta, intollerante”.

Non è storia di ieri. Ma di almeno un decennio, ormai. Almeno in Norvegia. Dove a metà degli anni ’90 si fa strada un uomo che organizza “conferenze antisioniste”, parla con l’enfasi del messia e la violenza verbale dell’angelo vendicatore: Alfred Olsen. Il tipo, descritto come “mentalmente instabile” e che ha per altro legami di nascita con l’Italia, battezza il “Movimento di Resistenza Popolare. L’alternativa Cristiana”. Ne definisce il manifesto. Dove, tra l’altro, si legge: “È necessario lottare contro il capitalismo di stato marxista, iI capitalismo liberale, la massoneria e altre idee anti-cristiane. Combattere l’infiltrazione di agenti stranieri nel nostro governo. Opporre la disseminazione di propaganda razzista-sionista in occidente, propaganda tesa a influenzare i cittadini contro la tradizione cristiana. Svelare e combattere la propaganda sovversiva nella scuola, nella stampa, nella radio, nella televisione, nel cinema e nella educazione in genere”. Sono parole che trovano terreno fertile, soprattutto che suonano familiari, perché incrociano una subcultura giovanile nera che, in Norvegia, proprio in quegli anni, la metà dei ’90, e di lì in avanti, si divide tra forme di neointegralismo cristiano e un neopaganesimo satanista che pesca a piene mani nel mito della fratellanza di sangue tra i popoli di origine germanica.

Di questa seconda “famiglia nera” è massimo interprete Varg Vikernes, cantante di “black metal”. Nel 1991 ha fondato il progetto musicale “Burzum” (termine che significa “tenebra” e che Vikernes mutua dal “Signore degli anelli” di Tolkien) e ha assunto il nome d’arte di “Conte Grishnackh” (anche questo ispirato alla letteratura di Tolkien). Il “Neo-Volkish Heaten Front”, formazione neonazi, lo adotta e ne succhia la popolarità. Anche da galeotto, perché Vikernes finisce in carcere per aver ucciso Oystein Aarseth, suo compagno di band. Dietro le sbarre, “il Conte” si fa filosofo e comincia a mettere mano a un manifesto che battezza “Vargsmal”, “il discorso del lupo”, dove il mito di Odino incrocia le fondamenta ideologiche del Nazismo, l’abbraccio ai temi dell’eugenetica diventa appassionato e il Paganesimo viene declinato in pochi e riconoscibili valori: “lealtà, coraggio, saggezza, disciplina, amore, onestà, intelligenza, bellezza, responsabilità, salute, forza”. Vikernes finisce di scontare la pena nel maggio di due anni fa, ma appena sei anni prima, durante un breve permesso di uscita dal carcere, si fa sorprendere in fuga su un’auto rubata dove la polizia trova un fucile semiautomatico da guerra, una pistola, numerosi coltelli, maschere antigas, un sistema di rilevamento di posizione gps e tute mimetiche.

Tutto ciò che si muove fuori da questo perimetro “iniziatico” e “suprematista” bianco (da questo punto di vista c’è più di un’assonanza tra l’orrore di Oslo e la strage di Oklaoma City di Timothy Mc Veigh, 19 aprile 1995, 168 i morti), sia nella sua declinazione “cristiana”, che in quella “pagana”, non ha diritto di cittadinanza politica. Neppure se si tratta di partiti di destra come il “Fremskritt Partiet”, il Partito del Progresso. Colpevoli di una “correttezza politica” che ne snatura l’afflato ideologico e mistico.

“Evidentemente c’è uno specifico nord-europeo in quel che è accaduto e accade in Norvegia – spiega ancora Tassinari – ma non c’è dubbio che una parte almeno di questa eco nera che in generale definirei scandinava, ha in questi anni contagiato buona parte dell’Europa, dove assistiamo a dinamiche molto simili con il progressivo distacco e polverizzazione di culture di destra xenofobe che assumono quasi il tratto di sette, esercitando una forte attrazione su chi, i più giovani, vive lo smarrimento di un tempo difficile, socialmente ed economicamente”. Qualche sigla. In Italia, con “Militia Christi” e “Forza Nuova”. In Inghilterra, con l’English Defence League (EDL). In Olanda, con il movimento xenofobo “Partito della Libertà” guidato da Geert Wilders e la “Dutch defence league”. In Francia, con la “Ligue Francaise de Defence”. Per non dire dei Paesi dell’ex Blocco sovietico e della ex Yugoslavia, dove la pressione nazionalistica resta fortissima e diventa un significativo moltiplicatore di ricerca identitaria.

Quella cui il “Conte” Vikernes, dal carcere, invitava i suoi adepti. Con queste parole: “È giunto il momento di bandire il fantasma nazista che per 60 anni ha spaventato l’Europa, per cominciare a occuparci delle cose che ci sono care”. (Beh, buona giornata).

Share this nice post:
Share this nice post:
Share and Enjoy:
  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
Share

Rispondi


Share
Archivio
Tematiche
Cerca
Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers: