Parigi e l’autunno d’Europa.

Parigi e l’autunno d’Europa.

epa05024526 A man looks outside the Carillon cafe with bullets holes on the glasses, in Paris, France, 14 November 2015. At least 120 people have been killed in a series of attacks in Paris on 13 November, according to French officials. Eight assailants were killed, seven when they detonated their explosive belts, and one when he was shot by officers, police said. French President Francois Hollande says that the attacks in Paris were an 'act of war' carried out by the Islamic State extremist group.  EPA/YOAN VALAT

epa05024526 A man looks outside the Carillon cafe with bullets holes on the glasses, in Paris, France, 14 November 2015. At least 120 people have been killed in a series of attacks in Paris on 13 November, according to French officials. Eight assailants were killed, seven when they detonated their explosive belts, and one when he was shot by officers, police said. French President Francois Hollande says that the attacks in Paris were an ‘act of war’ carried out by the Islamic State extremist group. EPA/YOAN VALAT


Quando scopriremo chi sono gli uomini -che hanno messo a ferro e fuoco Parigi e fatto strage di inermi cittadini con bombe e fucilate a sangue freddo- allora sapremo come sia stato possibile che nessuno si sia accorto in tempo del piano terroristico.

Per il momento possiamo solo dire che il tentativo chiaro è quello di trascinarci a forza in un salto mortale di qualità della guerra contro il Califfato. Costringerci all’invio di truppe sul terreno. È contemporaneamente chiuderci in uno stato di perenne auto assedio, di impedire l’agibilità sociale dei cittadini di origine araba dentro i confini degli stati europei, sul modello israeliano verso i palestinesi.

In questo c’è una convergenza tra gli scopi del terrorismo di stampo islamista e la destra razzista e xenofoba in Europa. In Italia alcune cornacchie, in effetti le solite, hanno già cominciato a gracchiare di bellicose rappresaglie. Da questo punto di vista, gli uccelli del malaugurio indicano nel Giubileo il prossimo possibile eclatante obiettivo, con un’ottusità propagandistica che ha il sapore beffardo di un suggerimento.

L’icona della gravità della situazione sta lì nelle strade di Parigi: prima le bombe, gli spari, il sangue; poi i militari e lo stato d’assedio. Che sembra la grottesca prima vittoria del terrorismo, il cui scopo e significato, tattica e strategia sono proprio innalzare sempre di più paura e allarme. È una coazione a ripetere schemi psicologici che non hanno portato nulla di buono, mai.

Non possiamo fare molto in queste ore. Chi ha potuto si è sincerato che amici o parenti che vivono a Parigi stessero bene. Di grande utilità sono stati i social: nel giro di pochi minuti, chi ha potuto è riuscito a tranquillizzarsi. Meglio non osare neppure a pensare cosa possa essere stato per chi, con la stessa rapidità tecnologica è stato raggiunto da drammatiche notizie personali: possiamo solo moltiplicare questa orrenda intuizione per il numero dei morti e dei feriti, in una serata parigina, coccolata da un clima mite, prima di venire stuprata dal terrore.

Ma proprio la vicinanza immediata che ci hanno permesso Facebook o Twitter è stata la cifra del nostro coinvolgimento in presa diretta con quei fatti terribili, come successe con le immagini che ci coinvolsero negli scoppi prima e il crollo poi delle Torri Gemelle, quel maledetto pomeriggio dell’11 settembre 2001.

La storia ci ha raccontato di errori, bugie, scandali e crimini che contrassegnarono la risposta militare degli Usa e degli alleati, tra cui il nostro paese, sotto le truci e truffaldine insegne dell’ “esportazione della democrazia.” Recentemente lo stesso Tony Blair uno dei più attivi sostenitori della “Guerra al terrorismo” ha riconosciuto apertamente che quella avventura fu non solo sbagliata, ma talmente malaugurata da essere diventata di fatto l’incubatrice dell’attuale Isis, il califfato probabilmente mandante dei crimini terroristici di ieri a Parigi.

Ecco allora che il timore di nuovi attentati si lega a doppio filo col timore che lo schema si ripeta in quel salto mortale di qualità, verso cui spingono le azioni del terrorismo islamico in Europa, congiuntamente alla propaganda xenofoba e razzista della destra europea. Beh, buona giornata.

Share this nice post:
Share this nice post:
Share and Enjoy:
  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
Share

Rispondi


Share
Archivio
Tematiche
Cerca
Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers: